Sistema immunitario debole: sintomi e cause
Log In
arrow
Named

Sistema immunitario debole: sintomi e cause



3/11

Il deficit immunitario, conosciuto anche come immunodeficienza, è una condizione per la quale il sistema immunitario di un individuo risulta compromesso e non riesce a funzionare in modo corretto.

Proprio in considerazione dell’importanza svolta da un buon funzionamento delle naturali difese dell’organismo e da un complessivo stato di benessere psicofisico, è importante saper individuare le cause e i sintomi del deficit immunitario così da valutare in modo tempestivo le migliori strategie di intervento.

Ma cosa sono, esattamente, le difese immunitarie?

 

Cosa sono le difese immunitarie e perché si indeboliscono

Le difese immunitarie sono l’insieme delle naturali strategie di protezione che il nostro organismo mette in atto per difenderci dall’azione di attacchi esterni.

Tali strategie sono garantite da un adeguato funzionamento del sistema immunitario, ossia il fisiologico apparato difensivo di cui ogni persona è naturalmente dotata e che è indispensabile per la difesa dalle sostanze estranee nocive, sia chimico-ambientali sia biologiche come virus, batteri, funghi, protozoi e in generale microrganismi potenzialmente patogeni.

Il sistema immunitario è un complesso sistema di cellule e organi altamente specializzati che operano in sinergia, pur mantenendo ciascuno un ruolo ben determinato, per proteggere l’organismo nell’eventualità di un’aggressione esterna. Tra le cellule più importanti deputate a questo scopo figurano i linfociti, chiamati B quando si sviluppano nel midollo osseo e T quando si formano nel timo: i primi sono deputati alla produzione di anticorpi, mentre i secondi hanno la capacità di attaccare e distruggere le cellule che vengono riconosciute come estranee.

Per quanto riguarda invece i principali organi immunitari, ossia che contribuiscono al funzionamento/funzionalità delle nostre difese immunitarie, essi includono i vasi linfatici, i linfonodi, le tonsille, l’appendice e le adenoidi, tutti composti da tessuto linfatico, nel quale le cellule del sistema immunitario si concentrano per moltiplicarsi e contrastare l’azione di microrganismi patogeni.

Le difese immunitarie possono essere alterate da diversi fattori, alcuni dei quali anche operanti in modo congiunto: presenza di cause patologiche (come ad esempio i tumori del sangue, l’AIDS, la mononucleosi o le malattie del midollo osseo), cause non patologiche, come lo stress psicofisico [link ad articolo precedente], utilizzo di alcuni farmaci (per esempio chemioterapici e antibiotici), ipovitaminosi, avanzamento dell’età, stato di gravidanza o consumo di sostanze dannose per l’organismo come il fumo, gli stupefacenti e l’alcol.

Anche la cattiva alimentazione, che può comportare carenza di micronutrienti essenziali per il buon funzionamento del nostro organismo, può rendere debole il sistema immunitario: gli stati di ipovitaminosi (A, C, D, B6, B12) possono contribuire al deficit immunitario così come l’insufficiente apporto di minerali quali ferro, rame, selenio e zinco.

 

Come capire se le difese immunitarie sono troppo basse

Le difese immunitarie basse si evidenziano con la manifestazione di diversi sintomi che non dovrebbero mai essere sottovalutati e ignorati, in particolar modo se tendono a protrarsi a lungo nel tempo.

Tra i campanelli d’allarme a cui prestare attenzione e che potrebbero indicare un sistema immunitario debole figurano la costante sensazione di debolezza e stanchezza, sia fisica sia mentale, la comparsa di dolori muscolari e scheletrici non riconducibili all’attività fisica, la ricorrenza di emicranie e mal di testa, la perdita dei capelli e la comparsa di diverse manifestazioni cutanee (eczemi o psoriasi), la tendenza allo sviluppo di herpes labiali, mal di gola, tonsilliti e raffreddori.

In presenza di un sistema immunitario debole la pelle e i capelli potranno risultare secchi e indeboliti, così come le unghie, la qualità del sonno potrà essere alterata (con insonnia, risvegli notturni, difficoltà a riaddormentarsi). Contestualmente potranno manifestarsi problematiche quali cistiti, stipsi e alterazione della normale funzionalità dell’intestino. Anche la stomatite, il reflusso gastro-esofageo e il mal di stomaco ricorrenti possono essere determinati da un abbassamento delle naturali difese dell’organismo.

Prevalentemente, il deficit immunitario si palesa nella tendenza dell’organismo a contrarre più facilmente e più frequentemente patologie batteriche e malattie infettive, come quelle legate ai cambi di stagione: influenze, raffreddori e tonsilliti.

Una condizione di deficit immunitario dovrebbe essere sempre e comunque accertata e valutata tramite il consulto di uno specialista medico.

 

Difese immunitarie basse: cosa fare? Un aiuto da Immun’Âge - Papaya Fermentata FPP®

Oltre che attraverso un’analisi e un miglioramento del proprio stile di vita - in particolare prestando attenzione alla qualità della propria alimentazione, alla pratica regolare di attività fisica, al relax psicofisico - le difese immunitarie possono essere potenziate eliminando cattive abitudini come il consumo di alcol o il tabagismo.

È anche importante cercare di ottenere un riposo notturno ristoratore, perché è proprio durante il sonno che l’organismo si dedica all’elaborazione delle proteine ottenute attraverso l’alimentazione, mentre il cervello rielabora, filtra e “archivia” le informazioni ricevute nel corso della giornata. Quest’azione sinergica permette di affrontare con energia e lucidità sia il risveglio sia le ore successive, durante le quali diversamente, si riscontrerebbero sintomatologie come difficoltà di attenzione, concentrazione e memoria; ansia, nervosismo e irritabilità; sensazione di debolezza acuta e generalizzata.

L’assunzione di Immun’Âge - Papaya Fermentata FPP®, l’integratore alimentare di NAMED® a base di FPP®, 100% Carica Papaya bio-fermentata, può rivelarsi utile per contribuire a supportare il normale funzionamento delle naturali difese dell’organismo: Immun’Âge - Papaya Fermentata FPP®, infatti, vanta spiccate proprietà antiossidanti e immunomodulanti, contribuendo a contrastare i radicali liberi in eccesso e supportando le fisiologiche difese endogene.

Il prodotto, inoltre, è un eccellente complemento alimentare e lo si può assumere anche in caso di elevato stress psicofisico o di affaticamento procurato proprio dall’abbassamento delle naturali difese dell’organismo, inoltre supporta le naturali difese endogene svolgendo anche un potente ruolo antiossidante contro i radicali liberi.

Puoi scoprire tutto sul legame tra Immun’Âge Papaya Fermentata FPP® e difese immunitarie in questa sezione dedicata.

Vuoi saperne di più su questo argomento?

CONTATTACI ORA

Named S.r.l. | P. Iva 00908310964 | via Lega Lombarda 33 | 20855 Lesmo (MB) | Privacy Policy

facebook instagram youtube linkedin